COMUNICATO STAMPA

PRIDE, OLTRE 50 ASSOCIAZIONI LGBT ITALIANE INSIEME A NEW YORK VERSO IL WORLD PRIDE A ROMA DEL 2025.

Il 28 giugno del 1969 il mondo è cambiato definitivamente.

Quella notte un gruppo di persone, le più emarginate e discriminate, hanno deciso di non voler più assistere in silenzio ai soprusi odiosi della autorità.

Quella notte Sylvia Rivera e Marsh P. Johnson, tra le altre, hanno scagliato il loro tacco vertiginoso contro la polizia entrata per l’ennesima retata contro un bar, lo Stonewall Inn, notoriamente frequentato da “depravati” e “invertiti”. Quel tacco riuscì a infrangere il muro dell’odio ed entrò nella storia.

Quel tacco, infatti, diede vita ai cosiddetti “Moti di Stonewall”, una protesta, un’insurrezione che diede sfogo alla rabbia e alla frustrazione della comunità LGBT+ (come la chiameremmo oggi) statunitense, stufa dei soprusi e delle violenze subite ma stufa allo stesso modo del silenzio e dell’omertà della società in generale che aveva scelto di ignorarla, anche quando chiedeva disperatamente aiuto.
Quella rivolta ha cambiato la storia del mondo.

Dall’anno successivo la comunità LGBT+ statunitense prima, e mondiale subito dopo, ha cominciato a celebrare i Moti di Stonewall ogni anno, nel mese di giugno. Così sono nati i Pride.

Questa ricorrenza rappresenta un momento di eccezionale importanza per la comunità LGBT+ mondiale. Nel 2019 si celebreranno i 50 anni dai Moti di Stonewall e, per festeggiarli, verrà organizzato un World Pride proprio nella città dove tutto ha avuto inizio: New York.
Il 2019 sarà una data importante anche per noi in Italia.

Nel 1979, infatti, si tenne a Pisa il primo Corteo del Movimento Omosessuale Italiano e quest’anno ne ricorre il 40esimo anniversario

Nel 1994, poi, a 25 anni dalla rivolta che ha cambiato la nostra storia, a Roma si è tenuto il primo Pride unitario. Migliaia di persone si sono riversate per le strade della Capitale dando inizio a una manifestazione che, nel corso degli anni, si è affermata come il più grande evento di piazza LGBT+ italiano e uno dei maggiori del Paese.

Nel corso di questi 25 anni Roma ha ospitato il primo World Pride della storia, nel 2000. Ideato, organizzato e fortemente voluto contro tutto e tutti dal Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli che ha candidato la Capitale per ospitare di nuovo, dopo 25 anni, il World Pride del 2025.

Per tutte queste ragioni, il 28 giugno del 2019 noi saremo a New York come delegazione italiana LGBT+ e invitiamo tutte le organizzazioni e tutte le persone che condividono i nostri valori di uguaglianza, laicità e autodeterminazione per tutte e tutti a unirsi a noi e sfilare al nostro fianco là dove tutto ha avuto inizio.

Sarà l’occasione per compiere il primo passo, uniti, a sostegno della candidatura di Roma per il World Pride del 2025.

Sarà l’occasione per celebrare i traguardi di questi 50 anni, ma anche per ricordare quanto ancora c’è da lottare in tutto il mondo.

Sarà l’occasione per ricordare le pioniere del nostro movimento e dir loro grazie per quel tacco, quella sfida all’ordine costituito che ci ha rese tutte più libere.

Buon Pride a tutte e tutti, ci vediamo a New York!

Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli
Agedo Nazionale, ALFI Nazionale, Arc Cagliari
Arcigay Napoli, Arcigay Catania, Arcigay “Makwan” Messina, Arcigay Palermo
Arcigay Rainbow Vercelli Valsesia Arcigay Arcobaleno degli Iblei Arcigay Gioconda
Arcigay Siracusa, Arcigay Tralaltro Padova, ARCO,Frame Aps Bologna, Libellula, Associazione TGenus, Azione Gay e Lesbica Firenze, Beyond Differences ONLUS, Cassero LGBTI center, Certi Diritti,
Chimera Arcobaleno Arcigay Arezzo, RED // Bologna
COLT – Coordinamento Lazio Trans, Bologna Pride, Liguria Pride
Palermo pride, Coordinamento Torino Pride GLBT, Cromatica LGBT, Dì Gay Project, EDGE Excellence&Diversity GLBT Exec, Associazione Famiglie Arcobaleno, GAYCS, Gaynet Italia, Globe – MAE, Gruppo Trans
IKen Associazione di Promozione Sociale, I Mondi Diversi, IREOS comunità queer autogestita, I sentinelli di Milano, La Fenice Gay , Lesbiche Bologna, MIT – Movimento Identità Trans, Movimento Omosessuale Sardo, NovarArcobaleno, Associazione nazionale Psicologi per il benessere lgbtiq – N U D I, Omphalos LGBTI, Pinkriot Arcigay Pisa, Pochos Napoli ASD, Polis Aperta, Politropia Arcigay,Pride Vesuvio Rainbow, Rete Genitori Rainbow, Avvocatura per i Diritti LGBTI – Rete Lenford, Roma EuroGames 2019, Stonewall GLBT Siracusa, Toscana Pride, Vicenza Pride

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Coordinamento Torino Pride GLBT

via Bernardino Lanino, 3A
10152 | Torino

Codice Fiscale 99710760014

segreteria@torinopride.it

Questo sito non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato a seconda della disponibilità del materiale. Non può pertanto considersi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001.

Stiamo cercando te.

Il lavoro del Torino Pride ha bisogno di te! Se anche tu hai a cuore i diritti delle persone LGBT e vuoi fare qualcosa di concreto, scrivici all’indirizzo email volontari@torinopride.it per chiedere più informazioni.